Recensione: L’oro di Scampia

Trama:

La storia di Enzo Capuano e di suo figlio, un campione di judo. Ispirato alla storia di Giuseppe e di Pino Maddaloni: attraverso l’insegnamento dello sport, Enzo intende salvare molti ragazzi della periferia di Napoli dalla cattiva strada.

Uscito in sala nell’Ottobre del 2013 e mandato in onda su rai1 a Febbraio, è forse la dimostrazione che forse la rai non è così inguardabile.

Scampìa è un sobborgo di Napoli con uno dei tassi di disoccupazione più alti d’Italia. Qui la camorra fa da padrona, assoldando i ragazzi sin dalla più giovane età per farne vedette, corrieri della droga o sicari, ma il film non racconta solo questo: racconta di come Enzo lotti e voglia lottare, nonostante le difficoltà, per salvare i ragazzi del quartiere, una lotta ritenuta da tutti impossibile, eppure lui s’impegna per ridare questa speranza lottando con tutto se stesso e rifuitandosi di abbandonare il quartiere. Il traguardo? arrivare alle nazionali, europei e perché no? i mondiali: per far conoscere la storia del suo quartiere e ridare questa luce ai suoi abitanti.

Il film è semplice: non richiede effetti speciali, ma comunque tocca le diverse realtà, spesso inalienabili, soprattutto se da anni, generazioni, si vive con la convinzione che non ci sia altro modo. Queste situazioni toccano soprattutto i più giovani e, con intelligenza e senza esasperare la narrazione, il regista ce lo mostra, ci fa conoscere ed affezionare ai singoli personaggi, e ci fa sperare, imprecare, disperare e lottare con loro. Se cercate un film di suspence forse non fa per voi, ma sicuramente merita d’esser visto.

Sicuramente è anche un modo per conoscere alcune situazioni che cerchiamo di non vedere o da cui cerchiamo di scappare.

Voto: 4/5

Informazioni su icedefroster

Collaboratore al sito https://fuocotempesta.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in recensioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...