Recensione: Ralph Spaccatutto

Trama:

Il film racconta la storia di un celebre personaggio dei videogame del passato che si trova a dover affrontare i nuovi e supertecnologici videogiochi moderni. Ralph è stanco di essere messo in ombra da Fix-It Felix, il “bravo ragazzo” campione nel loro gioco dove ogni volta finisce per salvare la situazione. Ma dopo decenni trascorsi guardando Felix ricevere tutta la gloria, Ralph decide che è arrivato il momento di smettere di interpretare il ruolo del cattivo. Così, prende in mano la situazione e inizia un viaggio attraverso i giochi arcade, passando per ogni generazione di videogame per dimostrare di avere tutte le carte in regola per essere un eroe. Durante la sua ricerca, incontra il duro Sergente Calhoun, dallo sparatutto in prima persona Hero’s Duty. Ma è il mondo dell’esuberante Vanellope von Schweetz, dalla corsa di macchine caramellate Sugar Rush, che si troverà a essere in pericolo quando Ralph libererà accidentalmente un nemico mortale che minaccia l’intero arcade. Riuscirà Ralph a realizzare il suo sogno e a salvare la situazione prima che sia troppo tardi?

La trama di per sè sembra banale, già rivista: il cattivo che vuole essere il buono, ed il mondo attorno che non lo apprezza. In realtà il cartone dimostra molto di più: a parte per i più “vecchi” di noi che sin dal primo minuto noteranno un qualcosa di familiare nel cartone (i richiami ai giochi delle nostre care vecchie sale giochi), il cartone rispecchia molti aspetti ancora attuali, quali ad esempio il nostro continuo bisogno di sentirci apprezzati e la costante incapacità degli altri (talvolta anche di noi stessi) di vedere oltre, di guardare alla persona e non solo a giudicare il “lavoro” che fa, in fondo ognuno ha un suo posto e, magari, senza di lui quel posto non funzionerebbe più. In più l’animazione non cade nel solito banalismo: cercare di cambiare noi stessi e l’affrontare tutti i giorni le nostre fatiche non è facile e spesso si fanno errori.

Come dice l’anonima cattivi “non vorrei essere nessun altro a parte me” ed alla fine forse dovremmo essere solo di più ampie vedute e, magari, cercare di porre rimedio ai nostri errori.

Le cose che comunque mi hanno esaltato del cartone sono sia i richiami a numerosi giochi dell’infanzia, sia le numerose e divertenti gag. Non vado pazzo per i cartoni animati che escono al cinema, ma questo merita.

Voto: 5/5

NOTE:

Il regista Rich Moore ha annunciato l’interesse suo e della disney per la realizzazione di un sequel.

Piccola parentesi tra i giochi rappresentati vi sono:

Personaggi reali Skrillex, che ha composto una traccia per la colonna sonora del film, appare alla festa come DJ.
Disney I Robinson – Una famiglia spaziale: Tiny il tirannosauro
Rapunzel: Vladimir, Maximus
Tron: Il logo su uno dei portali dei giochi nella stazione centrale
La bella e la bestia: Belle
Cenerentola: Cenerentola
Atari Asteroids (citato nel discorso introduttivo di Ralph e il cabinet è presente in sala giochi)
Battlezone: (il cabinet è presente nella sala giochi)
Food Fight (il cabinet è presente nella sala giochi)
Centipede: Centipede (citato nel discorso introduttivo di Ralph e mentre si trova in Hero’s Duty e il cabinet è presente in sala giochi)
Pong: le due racchette bianche con pallina
Capcom Street Fighter: Blanka (nei titoli finali), Cammy, Chun-Li, E. Honda, (in scene di gameplay di Street Fighter II, mentre il cabinet è mostrato sullo sfondo), Ken, M. Bison, Ryu e Zangief.
Columbia Pictures (originariamente Gottlieb) Q*bert: Q*bert, Coily il serpente, Slick, Sam e Ugg (i titoli di coda citano anche Wrong Way, assente nel film)
G-Mode (originariamente Data East) Burger Time: Peter Pepper
Konami Metal Gear Solid: il punto esclamativo
Frogger: Frogger
Dance Dance Revolution: Yuni, da Dance Dance Revolution X2 (il cabinet è presente in sala giochi)
Muginoho International Beard Papa
Namco Pac-Man: Pac-Man, Blinky, Inky, Pinky e Clyde (il cabinet è anche presente in sala giochi e i personaggi visitano il gioco)
Dig Dug: Dig Dug, Fygar e Pooka
Nestlé Nesquik: sottoforma di sabbie mobili (Nesquik-Sand)
Wonka Laffy Taffy: sottoforma di liane attratte da ciò che le fa ridere
Nintendo Gamepad del NES: La porta da cui Re Candito accede al programma di Sugar Rush.
Super Mario: Bowser, Mario (citato come ospite atteso alla festa), Super Fungo, tartaruga.
SEGA Sonic the Hedgehog: Sonic, Dr. Eggman, Tails (in un quadro), Sonic the Fighters (il cabinet è presente nella sala giochi)
Altered Beast: Neff
Warner Bros. (originariamente Midway Games) Tapper: Tapper (il cabinet è presente in sala giochi e i personaggi visitano il gioco)
RoadBlasters: il cabinet del gioco è presente con un ruolo centrale in una scena.
Paperboy: Paperboy
Altre citazioni notabili Il videogioco è una parodia di Donkey Kong
Il personaggio “Zombie” è identico al tipo di zombie chiamato Cyril dalla serie House of the Dead.
Il personaggio “Cyborg” è chiaramente basato su Kano di Mortal Kombat. Nel film sono presenti anche generici ninja, uno dei quali ricorda Sub-Zero.
Uno dei cattivi alla riunione è un diavolo di nome “Satine”, che Ralph chiama per sbaglio “Satana”, ed è possibile che sia ispirato al nemico principale di Diablo.
Tre cattivi genirici presenti alla riunione senza linee di dialogo sono un mostro verde con molti occhi, un robot giallo e una donna dalla pelle blu e vestita di rosso, possibilmente basati rispettivamente sul Beholder di Dungeons and Dragons, un cyborg da Cyborg Justice e Mishaela da Shining Force.
Appena Ralph e gli altri cattivi giungono in Game Central Station, in uno dei graffiti sul muro si legge “Aerith Lives” un riferimento a Final Fantasy VII, mentre un altro è “All Your Base Are Belong to Us”, un riferimento alle pessime traduzioni del gioco Zero Wing. Un graffito in una scena successiva è invece “Sheng Long was here”, riferimento al personaggio citato nella winning quote di Ryu in Street Fighter II: The World Warrior (“You must defeat Sheng Long to stand a chance”), ritenuto da molti il suo maestro, ma in verità un semplice errore di traduzione.
Quando la guardia chiede a Ralph il suo nome, lui inizialmente risponde “Lara Croft!”.
I Belpostiani e Tapper sono animati con un movimento a scatti che replica i cicli di animazione limitati degli sprite di molti giochi arcade a otto bit.
Il videogioco Hero’s Duty richiama diversi titoli, fra cui Halo, Gears of War e Metroid, nonché la saga di Alien (da ricordare che la serie Metroid è ispirata a quest’ultima). In particolare la scena di Ralph circondato dalle uova e lo scarafoide che lo attacca sul viso, è un chiaro riferimento al FaceHugger, di Alien . Il Sergente Calhoun è a sua volta basata sui protagonisti di tali giochi.
Il videogioco Sugar Rush è ispirato a videogiochi di battaglie automobilistiche e in particolare Mario Kart e Crash Team Racing.
Quando Ralph sfugge agli scagnozzi del re Candito, si immerge nel lago di cioccolata e il suo respiro ricorda quello di Dart Fener di Guerre Stellari (franchise passato sotto l’egida Disney poco prima dell’uscita del film).
A guardia del palazzo di Re Candito ci sono i biscotti Oreo e sono presentati in una scena che imita il cambio della guardia delle guardie della malvagia Strega dell’Ovest, nel film Il mago di Oz.
Il cabinato del gioco fittizio TurboTime è chiaramente ispirato a quello di Rally-X.
Il codice usato da Re Candito per entrare nel programma di Sugar Rush è il Codice Konami.
Turbo, l’antagonista del film, ha gli stessi vestiti di Kick Chiapposky della serie televisiva Kick Chiapposky: Aspirante Stuntman.
Nella scena in cui Aspro Bill raccoglie i pezzi del go-kart, il personaggio indossa un cappello che ricorda molto quello di Topolino nel cartone Steamboat Willie del 1928.
La trasformazione di Vanellope in principessa ricorda molto, sia per come avviene che per le parti inquadrate, la trasformazione della Bestia in principe nel film La bella e la bestia.
Al termine dei crediti viene fatto un riferimento al glitch del 256° livello di Pac-Man.

[ Tratto da: Wikipedia ]

Informazioni su FuocoTempesta

Autore del sito https://fuocotempesta.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in recensioni, tv e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...