Cinesica

In genere il reparto “acculturato” (anche se sarebbe meglio dire “colto” o “della cultura”) del blog viene tenuto dalla pungente ed originale ironia di Ice, ma viste le richieste proverò a dire qualcosa sulla cinesica.

Questo qualcosa sarà in tono blando, non sono un esperto e per i dettagli vi rimando a testi specifici.
Con il termine “cinesica” (di cui Ice ha accennato parlando del telefilm Lie to me) in genere s’intende un insieme di movimenti utilizzati a “corredo” di un discorso, in modo da aggiungere un certo significato al discorso. Questi li eseguiamo automaticamente e senza rendercene conto: possono essere gesti, espressioni facciali, sguardi, movimenti del corpo…

Non pensate sia una scienza arcana e sconosciuta, tutti noi l’applichiamo quotidianamente: osserviamo le persone attorno a noi e valutiamo dai gesti e dalle espressioni chi ci potrebbe piacere, osserviamo fidanzati/e per capire se ci stanno mentendo, e comunichiamo con sguardi ed espressioni. La fregatura è l’automaticità e proprio perché la diamo per scontata: ne conosciamo e applichiamo la pratica, senza conoscerne la teoria, per questo ci stupisce tanto.

Tra i gesti vengono distinte 5 categorie:

1) Emblemi;

2) Illustratori;

3) Affect-display (indicatori di emozioni);

4) Regolatori;

5) Adattatori (auto/etero/oggetto-adattatori).

1) Gesti dotati di un significato preciso e socialmente condiviso, che quindi hanno una traduzione verbale immediata. Possono sostituire o ripetere il discorso che accompagnano (possono prendere il posto delle parole qualora non si riesca a parlare a causa del rumore, dalla distanza o altro). Questi vengono prodotti consapevolmente e rappresentano uno sforzo intenzionale e deliberato di comunicare.

2) Gesti che hanno il compito di illustrare ciò che si sta dicendo (solitamente prodotti contemponeareamente al discorso).

3) Gesti legati a stati emotivi, sono movimenti dei muscoli facciali e corporei in associazione alle emozioni primarie (Sopresa, Paura, Collera, Disgusto, Tristezza e Felicità).

4) Gesti che regolano un discorso e indicano un cambiamento nelle strategie di un discorso, cioè quando si prende o si passa la parola. Sono gesti eseguiti in maniera inconsapevole e abituale, secondo delle regole apprese anch’esse in modo inconscio.

5) Movimenti che manifestano con il corpo uno stato emotivo e riequilibrano uno stato di tensione. Tali movimenti sono stati appresi originariamente come sforzo di adattamento per soddisfare bisogni psichici o fisici o per esprimere emozioni atte a mantenere o sviluppare contatti personali e nell’adulto questi comportamenti sono messi in atto in forma stilizzata e parziale. Alcuni adattatori sono appresi con l’esperienza persona.
Se volete un esempio pratico di come la cinesica (anche associata ad altri tipi di studi, come la prossemica e la semiotica) vi consiglio una puntata di un telefilm:

– Leverage 2×13 (cioè 13° puntata della seconda stagione) in cui è spiegato in maniera abbastanza chiara e viene mostrato come viene appliccato dai cosiddetti “ciarlatani” (QUI potete trovare la puntata in questione)

Se la cosa vi piace da guardare sono molto interessanti altre due serie televisive: “Lie to me”, e the “Mentalist”

Ciao a tutti

Informazioni su FuocoTempesta

Autore del sito https://fuocotempesta.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in didattica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...