Recensione: The frozen ground – Il cacciatore di donne

Trama:

Alaska: il detective Glenn Flothe viene chiamato ad investigare su una ragazza trovata morta, ma ben presto si rivela essere una delle vittime di un serial killer. Le indagini, ma soprattutto una testimone, lo portano ad indagare su Robert Hansen, lottando contro difficoltà e l’astuzia di quest’ultimo.

Tratto da eventi realmente accaduti, la storia ripercorre le vicende del serial killer Robert Hansen, insospettabile padre di famiglia, che tra il 1971 ed il 1983 uccise tra le 17 e 21 donne, il numero esatto è ancora sconosciuto (la bibliografia su wikipedia in inglese QUI ). Ottimo, il cast, bella la regia, bello il film: ricco di suspence, è affascinante e coinvolgente, ti trascina fino alla fine e ti colpisce ogni singolo minuto. Conosci i personaggi principali, in ogni aspetto della loro vita: dal detective, all’assassino, alla testimone, una prostituta scampata dalle grinfie del suo carceriere. Una storia vera con tanto delle difficoltà e dei problemi di un sistema giudiziario che spesso lega le mani, soprattutto quando hai davanti un uomo scaltro e spietato, che con freddezza cancella bene le sue tracce.

Voto: 5/5

About these ads

Informazioni su icedefroster

Collaboratore al sito http://fuocotempesta.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in IceDefroster, recensioni, tv e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...